venerdì 22 novembre 2013

Vivere il posto

Il viaggio da Santa Marta a Cartagena, che all'inizio sembrava una passeggiata rilassante, si rivelò ben presto un viaggio infinito e distruttivo. Il bus andava rallentando non appena vedeva gente, e il solito "bigliettaio" apriva la porta gridando "Cartagena, Cartagena". A volte addirittura saltava dal bus in movimento e scompariva. Dopo qualche minuto e qualche centinaio di metri più in là, riappariva magicamente con almeno 2 persone dirette alla nostra stessa città.
Arriviamo stanchissimi, dopo circa 250km in quasi sei ore, ma nell'hotel più bello e altrettanto costoso del viaggio.

Le zanzare adesso ci sono, ma abituato a quelle di Milano potrei anche non mettere il repellente. Sono lente, si ammazzano facilmente e le loro punture al confronto fanno quasi il solletico.
I miei capelli sono un po' più corti da quando prima di partire per questo tour decisi di provare l'esperienza di un barbiere colombiano a Cali. Poche parole, a differenza dei lunghissimi discorsi affrontati dai barbieri italiani, e tanti capelli in meno. Ma il bello di un viaggio è proprio vivere i posti come se ci stessi abitando.

Ho capito presto che le distanze e il tempo sono proprio come quelli siciliani: i chilometri si triplicano ed anche i minuti. Se qualcuno ti dice "10 minuti", moltiplica almeno per tre. Se pensi di percorrere 100 km in bus, immagina che siano almeno 300.


Quante cose in comune con la mia terra.

Cosa ne pensi? Lascia un commento...

Nessun commento: