sabato 30 novembre 2013

Distanze e Malafigure

Le distanze sono infinite. Per andare da Wimbledon a Ealing Broadway, stessa linea verde, la District Line, rimanendo sempre ad ovest e cambiando metro solo una volta, il tempo minimo è di quasi un'ora.
Se siete incontinenti, Londra non fa proprio al caso vostro.
Se una notte, dopo aver passato una bellissima serata al pub con gli amici siete colti da un improvviso attacco di diarrea, probabilmente vi troverete ad almeno 50 minuti di mezzi pubblici da casa e dovrete ancora salire e scendere centinaia di scalini, cambiare metro sperando che non sia l'ultima e che la stazione non sia chiusa, aspettare minuti che diventano infiniti, uscire al freddo ed aspettare l'autobus che vi porterà a circa altri 10 minuti di strada a piedi da ciò che in quel momento desiderate di più e che in metro non troverete: il bagno.
Se siete generalmente ritardatari dovrete sempre tenere a mente che per arrivare puntuali ci vuole molto più tempo di quanto vi immaginate. Io questo non l'ho ancora imparato.

Dopo essere stato ad una conference sulla Business Information alla British Library, gratuita ma abbastanza annoiante, mi fermo a mangiare un po' di sushi da Itsu e vado ad un evento organizzato da MakePositive è rivolto solamente ai programmatori di Salesforce. 
Ovviamente io questo non l'avevo capito. E me ne accorgo solo quando, dopo aver ascoltato senza capire nulla ciò che dicevano gli altri, decido di parlare un po' di MyCookin.
Le facce dei presenti rimanevano immobili e non ricevevo nessuna domanda, finché, uno degli organizzatori mi chiede: cosa c'entra con Salesforce?
Ed io, povero incosciente, rispondo: cosa è Salesforce?
La seconda pessima figura arriva quando confesso che MyCookin è stato sviluppato in ambiente Microsoft e ricevo subito il tipico Buuuuuu con pollice all'in giù del popolo anglosassone.
Ma sono qui per questo. E chiunque dovrà sapere che esiste un nuovo Social network sulla cucina unico, originale ed innovativo.

Cosa ne pensi? Lascia un commento...

Nessun commento: