aria di autunno

Come ogni anno, dopo il primo temporale di settembre ecco finire definitivamente l’estate. A Milano si era già visto qualcuno in moto indossare i guanti. Da domani toccherà anche a me. Da bravo freddoloso siciliano comincerò a sentire freddo e a contare i mesi che mancano alla prossima estate. Da domani dovrebbero essere nove, manca poco. 

Ho la memoria che va e viene. Delle circa 30 dimostrazioni da imparare come l’Ave Maria per il mio esame di venerdì ne riesco a ricordare solo quattro o cinque. Altre tre o quattro le ricordo solo i giorni dispari. Altre i giorni pari tra le 18 e le 19.15. Poi di nuovo vuoto assoluto!
Volevo scrivere qualcosa su Palermo ma non ho avuto tempo. Stavolta la voglia c’era, ma la mia vita recente è stata vissuta più a lavoro e in biblioteca che a casa e a letto. Come deve essere bello non avere più il pensiero allo studio di qualcosa di inutile e incomprensibile. 
Chiudo. Ci sono 18 gradi e io sento già freddo. Forse a Palermo sarà ancora estate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *