mercoledì 9 settembre 2009

Pedaggio all'Università di Palermo!

Leggo su Rosalio.it, ma anche su altri giornali:

Il Consiglio d’amministrazione dell’Università di Palermo ha approvato nei giorni scorsi una delibera che prevede dal 21 settembre il pagamento di un pedaggio di 1 euro all’ora per le automobili e di 50 centesimi per i ciclomotori per accedere alla cittadella universitaria di viale delle Scienze. A fronte del pagamento, che può essere ridotto sensibilmente con un abbonamento annuale che dovrebbe costare 35 euro per le auto e 20 euro per le moto per gli studenti, verranno forniti alcuni servizi (navetta interna ed esterna con collegamento con sedi distaccate, Steri e principali snodi di trasporto e videosorveglianza) e l’Università risparmierebbe anche sul servizio di rimozione. Alcune associazioni studentesche hanno votato in Consiglio, altre hanno già annunciato battaglia e hanno indetto una manifestazione per il 15 settembre alle 10:00 allo Steri in occasione della prossima riunione del Consiglio.

Un manifesto esposto da alcuni ragazzi recitava: "L'Università è pubblica! La crisi pagatela voi"

Mi chiedo:
Come si può rendere a pagamento un viale universitario?
Come puoi pretendere di far pagare l'accesso ad un luogo frequentato da ragazzi, che non va là per divertirsi ma per studiare?
Nemmeno in un centro commerciale si paga il posteggio!
Ma anche se fossi d'accordo, dove sarebbero i POSTEGGI ALTERNATIVI per lasciare l'auto o la moto fuori da quel viale?
Chi è di Palermo sa benissimo che non esiste posteggio al di fuori dell'area universitaria e quindi sa benissimo che forse presto sarà costretto a pagare questo "pizzo" legalizzato per lasciare il suo mezzo utilizzato per recarsi in un luogo ancora (forse) pubblico.
Non potrò essere presente, ma mi associo ad ogni manifestazione contraria a questa delibera!

Se solo i tanti soldi (che ci sono) fossero investiti bene...

Viva Palermo e Santa Rosalia!

Foto by: motionstudy

Cosa ne pensi? Lascia un commento...

1 commento:

Zio Silen ha detto...

Poniamo, per assurdo, che tutti gli studenti che frequentano le Facoltà di Viale delle Scienze acquistino l'abbonamento per parcheggiare il proprio mezzo, ne deriverebbe un diritto di natura contrattuale che costringerebbe l'Università ad assicurare -anche simultaneamente - un posto macchina a tutti (come avviene allo stadio per i posti a sedere). E' di tutta evidenza che per assolvere a tali obblighi l'area parcheggio della cittadella universitaria dovrebbe estendersi fino al mare.