martedì 31 marzo 2009

Un breve viaggio a Trier e Lussemburgo

A 3 anni di distanza da quella volta in cui provai (non riuscendoci) con Jaume a superare il confine tedesco e arrivare in BeNeLux, finalmente sono riuscito a mettere piede in Lussemburgo. Dopo 76km in moto alle 6.30 del mattino da Casa Corsico a Bergamo Orio (SUL SERIO) coperto con una camicia, un maglioncino, una felpa in pail, un copri felpa in pail, un giubbotto, dei copri pantaloni, un copri testa (casco), un fasciacollo (fasciacollo (non sciarpa) in pail), dei sotto-guanti e dei sopra-guanti, e sentendo ancora freddo, prima della capitale lussemburghese faccio una sosta a TRIER, Germania.In questa classica cittadina tedesca, caratterizzata dalle classiche casette tedesche e dalla classica piazza del mercato, consiglio vivamente di mangiare un piatto a base di cervo e capriolo accompagnato da una pera e marmellata di mirtilli e contorno di un qualcosa che non ho ben capito (tipo spaghetti di pasta di uova) e polpa di mela. Lasciata Treviri, traduzione in italiano di Trier, il cui scioglilingua fa TreTreviriControTreTreviri, vado finalmente in Lussemburgo ospite del mio carissimo amico Giuseppe. Lussemburgo è una città che ti confonde: a volte ti sembra di essere in qualche città dei paesi dell'Est Europa, altre volte in Germania, altre volte in Francia per via delle scritte in francese. Ma pensandoci bene, siamo in Lussemburgo, una città-paese-Capitale dove è ancora concesso fumare nei locali, dove la benzina costa ancora meno di un euro e dove le Ferrari e le Maserati sono posteggiate per strada sui marciapiedi anche la notte. La città delle Banche, ma soltanto delle SEDI, mica dei Bancomat (quella dei Bancomat è Valencia). Poi tantissimo verde, boschi in città, tranquillità, ordine, discopub con entrata gratuita (come in Spagna e NON come in Italia!). Insomma un fantastico posto al centro dell'Europa, a due passi da Parigi, Bruxelles ed Amsterdam, che se solo non fosse così freddo, quasi quasi un pensierino ce lo farei. Per concludere poi non posso non nominare il fantastico Philharmonic, palazzo della musica e il MUDAM, museo di Arte Moderna.
Manca ancora tanto alla visita di TUTTA l'Europa.. intanto il prossimo viaggio il 25 Aprile a Singapore e Bali.....
Un grazie enorme a Peppe che mi ha ospitato e alla grandissima compagnia di Chiara, Devis & famiglia :)
Foto by: Ale206

Cosa ne pensi? Lascia un commento...

Nessun commento: