leggende universitarie

Cliccando qui potrete vedere un blog con le 10 meraviglie con cui la Cina sconvolgerà i turisti entro qualche anno.
Traduzione: il mondo, vuoi non vuoi, sarà dei Cinesi. Studieremo come seconda lingua il cinese, mangeremo cinese e ancora peggio berremo BIRRA CINESE! ahi ahi.. dove andremo a finire…

Andando qui invece, una bellissima pagina con cui creare simpaticissimi identikit.
Traduzione: Per passarsi un pò il tempo e cazzeggiare tra una pausa e l’altra.

Alcune leggende universitarie..
(ringrazio Zai per l’email…)

Esame di anatomia, scena muta sugli organi genitali femminili.
Il professore, sadicamente, dice con disprezzo allo studente: ‘Guardi, le do 20000 lire, lei stasera tardi va nella zona del porto e vedrà quante signorine le spiegano volentieri queste cose…’
Lo studente incassa (in tutti i sensi) e torna all’appello successivo. Conquistato un soffertissimo 18 e firmato lo statinolo studente mette 10,000 in mano all’incredulo professore, commentando: ‘Sua moglie prende meno!’

Professore: ‘È in grado di dirmi quale organo dei mammiferi riesce, una volta eccitato, a raggiungere dimensioni pari a sei volte le dimensioni dell’organo a riposo?’
Studente: ‘Non saprei…’
Professore: ‘Non lo sa proprio? Ci pensi, non è difficile!’
Studente (sempre più a disagio): ‘Non mi viene in mente niente…’
Professore: ‘Su, pensi alla vita di tutti i giorni…’
Studente (in grave imbarazzo): ‘Beh…’
Professore: ‘Forza signorina, si butti!’
Studente: ‘Il pene?’ (Scoppia un boato nell’aula)
Professore (calmissimo): ‘Complimenti a lei e al suo fidanzato, signorina. Comunque l’organo è la pupilla.’

Universita’ di Roma, lezione di Biologia.
Il prof parla dell’alto livello di glucosio presente nel seme maschile. Una ragazza alza la mano e chiede: ‘Se ho ben capito nel seme c’e’ molto glucosio, come nello zucchero?’ ‘Esatto’ risponde il prof., e la ragazza perplessa ribatte: ‘Ma allora perche’ non e’ dolce?’.
Dopo un momento di silenzio gelido la classe esplode in una risata fragorosa; la faccia della ragazza diventa paonazza e rendendosi conto della gaffe, raccoglie i libri e scappa via. Mentre sta uscendo di corsa dalla classe, sopraggiunge la risposta compassata del prof.: ‘Non è dolce perchè le papille gustative che percepiscono i gusti dolci sono sulla punta della lingua e non in fondo, vicino alla gola…’

Presso la Facoltà di Giurisprudenza c’è l’esame di Codice di Procedura Civile.
Il professore esordisce con una domanda: ‘Dunque… mi saprebbe dire cos’è la ‘frode?’
Studente: ‘Una frode è se lei mi boccia!’.
Professore: ‘Cooome??!! Come sarebbe a dire?’.
Studente: ‘La frode si ha quando uno approfitta dell’ignoranza altrui e lo danneggia!’

Esame di Filosofia. Il professore mostra un mazzo di chiavi e chiede: ‘Dunque giovanotto, mi dimostri che queste sono mie…’.
Lo studente (preso malissimo): ‘Ehm, sì, quindi, ehm…’.
Professore: ‘Allora, che aspettiamo?’.
Studente: ‘Io, dunque… Aristotele… ehm…’.
Professore: ‘Se ne vada, torni al prossimo appello’.
Studente (si alza e fa per portarsi via le chiavi): ‘Arrivederci…’.
Professore: ‘Ma che cosa fa? Dove va con le mie chiavi?’.
Studente: ‘Ecco dimostrato che sono sue!’.
Professore: ‘Promosso’.

4 thoughts on “leggende universitarie

  1. ahaha io so quella dello studente che si presenta ad un esame e il prof chiede “mi dica quante finestre ci sono nell’aula in cui abbiamo fatto lezione?”
    studente “beh non saprei”
    prof “bene vuol dire che lei non ha seguito..torni la prox volta”

    il ragazzo successivo nel frattempo conta le finestre

    prof: allora lei me lo sa dire quante finestre ci sono in aula?
    studente: certo…esattamente 18 finestre
    prof. bravo si alzi subito..questo vuol dire che mentre io spiegavo lei si metteva a contare le finestre!!!!

  2. Chiedevi sul mio blog qualcosa di me ..
    Io ho 25 anni e sono una tua concittadina …
    Mi mancano gli ultimi 2 esami per terminare la laurea speialistica in comunicazione d’impresa e pubblicità ..
    Beh per il resto ho un blog… scoprirai man mano…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *